Browsing All posts tagged under »Lacan«

P.op

novembre 13, 2010

2

La vita, tutta la vita, è già spiegata nelle canzoni pop.

E.pica 2/3

novembre 10, 2010

0

Per uscire da questo spaesamento linguistico, per ristabilire un orientamento in un tempo privo (o stracolmo, che è lo stesso) di coordinate, per identificare e poi soddisfare una serie di bisogni fondamentali, è necessario, a mio modesto parere, costruire esattamente una nuova rete simbolica. Non simboli nuovi, ma connessioni nuove tra elementi di un arsenale simbolico già esistente. Una nuova simbolica, vale a dire una nuova dimensione linguistica. Una nuova narrazione.

P.aternità

agosto 21, 2010

3

Questa è allora la strada da fare per dirsi uomini: trasformarsi coscienziosamente nelle vittime dei propri figli. Non basta uccidere il Padre - la Legge - per diventare uomini: chi uccide suo padre diventa solo orfano, e in quanto tale rimane figlio. Chi vuole dirsi uomo deve allora dirsi padre, diventare carne per i propri figli, lasciare che si cibino di sé come un tempo ci si nutrì del proprio padre. La paternità in questo consiste: una deliberata, auto-inflitta, condanna a morte.

D.ita

luglio 14, 2010

9

Questa è una di quelle storie che esistono sono nella misura in cui vengono raccontate e diffuse. Perchè, se rimanesse solo nella forma del ricordo, assumerebbe presto gli sfumati contorni di una fantasia. Una di quelle storie che suscitano la medesima reazione nel narratore e in chi le ascolta: un misto tra l’incredulità e la […]

P.rovocare

maggio 18, 2010

6

La provocazione può dunque essere intesa come "la parola a favore di" o "il discorso che causa". A me pare che una parola che produca degli effetti positivi sia una buona parola. Una provoc-azione è dunque una buona azione.

L.acan

aprile 13, 2010

0

Il n’y a pas de rapport sexuel Jacques Lacan Arrivo presto davanti allo studio medico, e mentre cerco di capire come si fa ad entrare, una signora trafelata mi supera e con disinvoltura apre il portone del palazzo. Di quelle donne che non sono più giovani ma non sono ancora vecchie, in quel brevissimo istante […]

H.orror vacui

dicembre 28, 2009

6

Sfidando il vento e le mie paure più profonde, oggi sono salito sulla terrazza panoramica della Torre di Montparnasse. Quasi al tramonto, la luce che copriva la città era bianca e pungente, perchè il vento aveva spazzato via le nuvole della pioggia mattutina. Venivo dal vicino cimitero, dove ero passato a trovare Charles, Julio, Pierre-Joseph […]