L’Abecedario di eFFe

Tutti i posts di questo blog rientrano, più o meno comodamente, all’interno di sei categorie. Sei contenitori, di per sè vasti e flessibili, che corrispondono a quelle zone di luce dove il mio sguardo si posa e le mie parole si formano. eFFe sono io. Una lettera.

A.ntropologie

Sguardi più o meno lontani, più o meno partecipanti, più o meno scientifici sugli uomini e sui loro comportamenti. Su quello che c’è dietro e sotto le narrazioni che essi fanno di se stessi. Tentando di evitare gli -ismi senza per questo abbandonare le -logie.

B.analità

Piccole cose, dettagli, superfici della vita. Che tuttavia colorano di senso l’esistenza e indicano le fessure attraverso cui guardare le grandi cose, le strutture, le profondità della vita.

C. ritiche

Intrusioni fastidiose nelle espressioni della contemporaneità. Le arti, le comunicazioni, le mode, le estetiche tutte. E le pseudo-democrazie. Sempre tenendo a mente che il diritto di esprimersi non si disgiunge mai da quello di esprimere. E che le critiche servono solo a spianare la strada. A costruire, se proprio vogliono, ci pensino gli altri.

D.isamori

O anche d.istanze. D.iscorsi. D.isdette.

E.stetiche

Pezzi sparsi. Istantanee. Versi. Rimandi. Alla ricerca del respiro della bellezza.

eFFe

La singola lettera non ha alcun significato, essa è mero segno fonetico, o più precisamente un grafema che rappresenta un fonema. La combinazione di più lettere insieme dà origine alle parole, e queste – apparentemente – sono dotate di significato.

Il bello di essere solo una lettera, allora, è quello di non avere un significato. Non un significato preciso, nè tantomeno un significato condiviso e convenzionale. Il bello è proprio quello di non avere alcun significato. Di essere solo suono e sussurro nello sfondo della vita.

E se non hai alcun significato allora li puoi avere tutti. Puoi decidere cosa significhi e puoi cambiare questo significato quando ti pare. Basta con le identificazioni e le interpretazioni, le incomprensioni e le etichettature. Lettera e punto. Spazio alla libera connotazione.

Il punto ha qui una funzione fondamentale e un po’ autoritaria. Avvisa che oltre non c’è nulla e se c’è qualcosa si tratta solo di una delle molteplici possibilità. Lettera e punto. Chi legge ci mette il resto, se vuole, e se no segue quello che è messo da altri. Dire e lasciarsi dire.

6 Responses “L’Abecedario di eFFe” →
  1. Eh sì, non ci resta altro da dire che sulla storia delle lettere non c’è proprio altro da dire (e ci accorgiamo nel frattempo che alle quattro del mattino si coniano i giochi di parole effettivamente più efficaci). Come già tu ben sottolineasti una volta, è bello scoprire di essere in tanti (o comunque non soli) a pensarla così. Buon lavoro da tutte le “doppie lettere” del Taccuino…

    Rispondi
  2. Uellaaaaaa…anche questa una bella scoperta…
    Si respira proprio una bella aria qui, che meraviglia…ci sentiamo a casa, noi che l’insonnia ormai ci dà pure noia!

    Rispondi
  3. Non sono le 4 del mattino, ma mezzogiorno. Però mi sono appena svegliata, segno che all’alba ero in piedi. Dunque faccio parte della cricca dei nottambuli.
    Mi sento bene in questo posto…

    Rispondi
  4. spero che tutte ore del giorno siano buone! mi piace la effe e solo una lettera e di piu. ciao!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: