C.lochard

Posted on 18 dicembre 2009

2


Un fatto.

Vado di solito a fare la spesa in un piccolo discount del quartiere: poca gente, anziani soprattutto, immigrati, e prezzi contenuti in una Parigi i cui costi sfidano il surreale. Arrivo alle casse e mi trovo fianco a fianco con un barbone, un clochard, di quelli veri, con la barba lunghissima e crespa, le mani nere e i vestiti logori.

I vestiti, però, sono identici ai miei, con l’unica differenza che i miei sono puliti e privi di lacerazioni. I suoi sono strappati in più punti, con macchie di unto e chissà cos’altro. Ha degli scarponcini da trekking bucati in testa e con la suola che penzola dalla tomaia a ogni passo. Un paio di pantaloni neri, luridi. Un maglione a collo alto blu scuro, pieno di buchi. Infine, un vecchio eskimo, identico al mio, la cui pelliccia è lisa e stracciata, e il verde originario tende al marrone scuro. A Parigi di giorno fa -3 gradi, di notte scende a -9.

Ha comprato delle bottiglie d’aranciata, dei gelati confezionati e delle caramelle gommose. Anche io ho comprato le caramelle gommose, le stesse. A occhio avrà la mia età, portata male, o qualcosa in più.

Quando è uscito, le cassiere, entrambe indiane, hanno chiesto a un inserviente, anche lui indiano, di prendere una bomboletta di deodorante spray dallo scaffale, per spruzzarlo nell’aria intorno alle loro postazioni. Quell’uomo puzzava talmente tanto da aver lasciato dietro di sè un tanfo disgustoso.

Io non puzzo e i miei vestiti non sono logori come i suoi. La mia barba è più corta e meglio rifinita della sua. Le mie caramelle gommose le mangio con le mani pulite. A casa mia, con i riscaldamenti accesi, ci sono almeno 20 gradi. Per il resto, siamo identici.

Una possibile interpretazione:

‘ e vote io nun capisco buono chello ca succere
nun se po sta chiù tranquilli int’a stù cazz’ ‘e quartiere
nun c’abbastava a violenza ca ogni juorno ce rà ‘o Stato
nun c’abbasta a’ fatica, nun c’abbasta o’ precariato
nun c’abbasta ca ogni juorno ascimmo e già simmo sfruttati
nun c’abbastano e’ pesuni e a’ merda int’ e’ supermercati
nun c’abbasta ca abballammo peggio re’ tarantolati
tutta ‘a vita, nun c’abbasta e ce rammo uno cu n’ato
tu m’’e fatto chist’ a me, isso ha fatto chist’ a te …
e ce scurdammo o’ palo n’culo ca tenimmo tutt’e tre
e chi l’ha miso s’arrecrea, siente buono siente siè…
ca se schiatta re’ risate a verè o’ ballo re’ pezziente…

Advertisements
Messo il tag: ,
Posted in: Banalità